Ma è veramente finita…?

I dubbi del Baciccia dopo la fine della sessione di calciomercato

Ma è veramente finita…?

Cari cuoriblucerchiati, stamattina vi ho visti più distesi e rilassati di ieri. Lo so, è settembre, i bagnanti stanno tornando in massa a Milano. Ma il sollievo nei vostri volti non è dovuto solo a questo. È che la sessione di calciomercato è finita, e si è chiusa anche bene per noi. E allora molti di voi, mentre si facevano la barba, avranno pensato che per qualche mese si parlerà solo di calcio giocato.

Ebbene, lasciate che ve lo dica senza tanti giri di parole: non è così. Mi spiace… E in fondo in fondo lo sapete anche voi, per cui non fate finta di niente, sennò peggiorate solo le cose.

Tra una settimana, quando il campionato riprenderà, si comincerà di nuovo a parlare di possibili acquisti o cessioni. Se Zapata, tanto per fare dire un nome,  alla prima fa una tripletta contro la Roma (cosa che tutti ci auguriamo), il lunedì qualcuno, la Gazzetta, o il Secolo, o un altro di quei siti che parlano solo di mercato, comincerà a dire che una squadra X lo ha sondato per gennaio.

E tutti noi a entrare in paranoia, a disperarci, a dire no, non può andare via, dobbiamo tenerlo. Ho detto Zapata, ma avrei potuto dire Torreira, o Praet, o Caprari, o Linetty, o Barreto, o Ferrari, o Silvestre… Insomma, abbiamo tutta una serie di giocatori buoni, che di sicuro diventeranno, prima di quanto immaginiamo, voce di mercato.

Proprio così, prima di quanto pensiamo. Che già la mia previsione di poco fa (tra una settimana) è ottimistica. Ieri sera, a lavori chiusi, il dirigente di una grande squadra milanese ha già cominciato a parlare della sessione invernale. Insomma, preparatevi.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi