Maggio 23, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Come il tono sarcastico della Russia sull’Ucraina ha cambiato l’approccio degli Stati Uniti alla diplomazia: NPR

Come il tono sarcastico della Russia sull'Ucraina ha cambiato l'approccio degli Stati Uniti alla diplomazia: NPR

Il presidente russo Vladimir Putin parla durante una conferenza stampa congiunta con il cancelliere tedesco dopo il loro incontro sulla sicurezza dell’Ucraina lo scorso martedì.

Mikhail Klementiev/Sputnik/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Mikhail Klementiev/Sputnik/AFP tramite Getty Images

Il presidente russo Vladimir Putin parla durante una conferenza stampa congiunta con il cancelliere tedesco dopo il loro incontro sulla sicurezza dell’Ucraina lo scorso martedì.

Mikhail Klementiev/Sputnik/AFP tramite Getty Images

Il presidente Biden ha dichiarato martedì che la decisione della Russia di spostare le truppe in alcune parti dell’Ucraina orientale è stata “l’inizio di un’invasione russa”.

Il presidente russo Vladimir Putin non lo descrive in questo modo, ma mentre il mondo osservava una possibile invasione, la Russia diffondeva costantemente sarcasmo nel suo messaggio.

Durante una conferenza stampa della scorsa settimana, Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha coniato l’idea dell’invasione russa dell’Ucraina come quasi banale.

Il 16 febbraio, Zakharova ha detto: “Buonasera. Scusa per il ritardo. Stavo solo controllando se invadiamo l’Ucraina o meno. Spoiler: non lo siamo”.

Il tono sarcastico è uno strumento spesso utilizzato dai funzionari russi, tra cui il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, che dopo un recente incontro con il suo omologo britannico ha affermato: “Sono davvero deluso dal fatto che sia come parlare da sordi a ciechi, ecc. In sostanza, nessuno si sente.” “

Timothy Snyder, professore di storia alla Yale University, ha affermato che la strategia alla base della satira non è nuova ed è stata utilizzata dall’invasione russa della Crimea nel 2014.

“Ricordo molto chiaramente il presidente Putin quando disse all’epoca che non c’erano soldati russi in Ucraina, e se sembrava che ci fossero solo persone che compravano abiti mimetici da un negozio locale”, ha detto Snyder. “È una specie di ironia postmoderna, cercare di metterti indietro, cercare di confonderti”.

READ  I funzionari statunitensi e cinesi si incontrano mentre aumentano le tensioni sulla Russia

L’adozione di questo tono consente anche alla Russia di affermare il proprio potere dichiarando ciò che è reale e ciò che non lo è, ha detto Snyder, cercando anche di iniettare un po’ di umorismo.

È come una parodia: “Niente è giusto”, ha detto Snyder. Niente di reale. Siamo più audaci di te, perché siamo disposti a dire qualsiasi cosa, io non sono disposto a dire nulla”. “Ma allo stesso tempo è anche un modo per guadagnare tempo. Confonde le cose in modo che tu passi il tuo tempo a cercare di capire cosa sta succedendo, piuttosto che limitarti a guardare i semplici fatti sul campo”.

Snyder ha parlato con NPR Tutte le cose considerate Su come il tono dei diplomatici russi si confronta con le loro controparti americane, il pubblico di destinazione di questo sarcasmo e la strategia dietro i messaggi della Russia.

Questa intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Punti salienti dell’intervista

Su come questa ironia si confronta con il linguaggio dell’Occidente democratico

È molto diverso. Voglio dire, il contrasto con gli americani oi tedeschi è piuttosto sorprendente. I diplomatici in Occidente sono generalmente così seri da essere noiosi. E penso che, soprattutto, quando affrontano i russi, facciano del loro meglio per essere più realistici e attenti al modo in cui parlano, perché vogliono evitare di essere catturati, sai, in una specie di gara di commedie o in una specie di gara di sarcasmo .

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha usato il sarcasmo quando ha affrontato argomenti seri, comprese le relazioni tra Russia e Ucraina.

Yuri Kadunov/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Yuri Kadunov/AFP tramite Getty Images

Sulla questione se gli Stati Uniti debbano usare un tono diverso per comunicare con la Russia

Penso che gli Stati Uniti utilizzino un tono diverso. C’è qualcosa di storicamente nuovo in quello che stanno facendo gli Stati Uniti, ed è che stanno apertamente usando l’intelligence per cercare di descrivere le cose che la Russia potrebbe fare. Finora, hanno colpito nel segno. Questo ovviamente ha portato via un po’ di divertimento ai russi. È difficile essere cinici su qualcosa che l’altra persona prevede correttamente che farai, sai, e poi lo farai davvero. Quindi penso che possiamo probabilmente dare credito a questo nuovo sviluppo da parte americana.

Chi è il pubblico di questa ironia

Penso che sia locale e straniero. [Russia is] Stanno cercando di dirci che non hanno paura di noi. Sono pronti a prenderci in giro. Stanno cercando di dimostrare di essere all’altezza di qualsiasi superpotere e che possono metterci nei nostri panni e farci sentire insultati.

Anche per il pubblico locale il messaggio è lo stesso. Ma in questo caso particolare, stanno anche cercando di dire al pubblico locale che in realtà non stanno facendo nulla di male. In realtà, non hanno in programma di invadere l’Ucraina. Ed è importante sapere che in questo momento, questo è ciò in cui credono i russi. I russi non pensano che ci sia alcuna possibilità che il loro paese invada l’Ucraina.

Su come questi messaggi influenzano la comprensione della situazione da parte delle persone

Stanno sicuramente cercando di confonderti. Voglio dire, ci sono due modi per farlo. Non puoi fare nulla e insistere per fare qualcosa, oppure puoi fare qualcosa e insistere per non fare nulla. E ora stanno chiaramente facendo qualcosa. Hanno unità che devono essere in Asia, che di solito sono lì per la protezione dalla Cina, fino in Europa. Sicuramente stanno facendo qualcosa. La combinazione di fare qualcosa e dire che non facciamo nulla è molto confusa.

READ  Vitaly Gerasimov: L'Ucraina rivendica l'uccisione del generale russo a Kharkiv

Sul perché la Russia parla di pulizia etnica, crisi dei rifugiati e crimini di guerra in relazione all’Ucraina

Beh, hanno bisogno di una specie di scusa per invadere. Quindi, ricordiamoci che il popolo russo non credeva che ci fosse un piano per l’invasione. Pertanto, la questione se la Russia debba invadere non è ancora sorta. Se c’è una grande invasione, la Russia dovrà affrontare una sorta di problema serio, che può almeno usare per convincere il suo pubblico nazionale che sta succedendo qualcosa.

Genocidio è una parola in codice qui. Genocidio significa seconda guerra mondiale. Rappresenta la preoccupazione per il futuro dei russi oltre i confini della Russia. Ma la cosa che mi preoccupa del loro uso della parola genocidio è lo strano modo in cui fanno le cose che accusano gli altri delle cose che stanno per fare loro stessi.

Su come si comportano gli Stati Uniti nei colloqui con la Russia

Penso che gli americani stiano facendo la cosa giusta provando tutto il possibile. Nonostante tutti i nostri discorsi sulle difficoltà linguistiche, gli americani hanno fatto un ottimo lavoro anticipandoci e preparandoci a ciò che i russi avrebbero detto. Quindi, questa volta siamo stati buttati molto meno di quanto non lo fossimo nel 2014.

Penso che gli americani abbiano ragione sul fatto che non possiamo dire con certezza cosa intende in definitiva il signor Putin, quindi dobbiamo avere una diplomazia ampia. Dobbiamo continuare a provare. Ma come sai, questo è un processo. Non ci sarà mai un incontro o un momento in cui tutto cambierà.