Dicembre 9, 2021

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Erdogan afferma che la Turchia ha 10 diplomatici occidentali da espellere

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, 20 ottobre 2021. Selettori / Apocalisse

  • Kavala è in carcere dalla fine del 2017
  • Nega le accuse di partecipazione al fallito colpo di stato e alle proteste di massa
  • I gruppi per i diritti dicono che è un simbolo della repressione in Turchia

ISTANBUL, 23 ottobre (Reuters) – Sabato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ordinato al ministero degli Esteri di dichiarare “persono non grata” 10 ambasciatori occidentali. Il filantropo Osman Guard.

Kavala ha trascorso quattro anni in prigione, ha finanziato proteste a livello nazionale nel 2013 ed è stato coinvolto in una cospirazione fallita nel 2016. Lui nega le accuse.

In una dichiarazione congiunta del 18 ottobre, gli ambasciatori di Canada, Danimarca, Francia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Finlandia, Nuova Zelanda e Stati Uniti hanno chiesto una soluzione equa e rapida del caso. Rilascio d’emergenza. ”Sono stati convocati dal ministero degli Esteri, che ha definito il rapporto irresponsabile.

“Ho dato l’ordine necessario al nostro ministro degli Esteri e gli ho detto cosa fare: questi 10 ambasciatori devono essere dichiarati subito personali. Lo sistemerà immediatamente”, ha detto. Erdogan In un discorso, ha usato una parola che significava che un diplomatico non era più il benvenuto nel paese.

“Conosceranno e capiranno la Turchia. Il giorno in cui non conosceranno e non capiranno la Turchia, se ne andranno”, ha esultato alla folla riunita nella città nordoccidentale di Eskisehir.

Le ambasciate degli Stati Uniti, della Germania e della Francia, così come la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

READ  Il cast di "Harry Potter" si riunisce per lo speciale

Il ministero degli Esteri norvegese ha dichiarato all’epoca che la sua ambasciata ad Ankara non aveva ricevuto alcuna informazione dai funzionari turchi.

“Il nostro ambasciatore non ha fatto nulla per garantire uno sfratto”, ha detto a Reuters Trudeau Masjid, capo delle comunicazioni del ministero, in una dichiarazione via e-mail che la Turchia era ben consapevole delle opinioni della Norvegia sul caso.

“Secondo la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, continueremo a invitare la Turchia a rispettare i termini della democrazia e la legge che il paese ha accettato”, ha affermato Masid.

Kavala è stato assolto l’anno scorso dalle accuse relative alle proteste del 2013, ma quest’anno il verdetto è stato ribaltato e collegato alle accuse di un altro caso di tentativo di colpo di stato. Per saperne di più

I gruppi per i diritti affermano che la sua causa è un segnale di un’inchiesta antitrust formale su Erdogan.

‘Senza soggetto’ per i test

Guardia detto venerdì I recenti commenti di Erdogan rendono “insensato” per lui partecipare al suo processo perché un processo equo è impossibile.

Giovedì Erdogan ha affermato che gli ambasciatori coinvolti non rilasceranno “ladri, assassini e terroristi” nei propri paesi.

“Credo che non sia più significativo partecipare alle indagini e offrire la mia protezione in quanto non vi è alcuna possibilità di un processo equo in questa situazione”, ha affermato Kavala in una dichiarazione scritta.

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha chiesto l’immediato rilascio del detenuto alla fine del 2019, affermando che non vi era alcun ragionevole sospetto che avesse commesso un crimine e che la sua detenzione aveva lo scopo di calmarlo. Per saperne di più

READ  Nonostante le promesse sul cambiamento climatico, i governi prevedono di aumentare la produzione di combustibili fossili: NPR

Un verdetto simile è stato emesso quest’anno nel caso dell’ex leader del Partito Democratico Popolare Curdo (HDP) Selahat Demirdas, che è stato in prigione per quasi cinque anni.

Il Consiglio d’Europa, che sovrintende all’attuazione della decisione della CEDU, ha dichiarato che lancerà un giro di vite sulla Turchia se la guardia non verrà rilasciata.

La prossima udienza del caso contro Kavala e altri è il 9 novembre. L’appuntamento è per il 26.

Rapporto aggiuntivo di Nora Puli sul montaggio di Butler a Oslo di Peace Graff, Kevin Liffey e Frances Kerry

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.