Maggio 23, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Esclusiva: i tabulati telefonici di Eric Trump e Kimberly Guilfoyle citati in giudizio dal comitato del 6 gennaio

Sembra essere la prima volta che il comitato ristretto ha emesso un mandato di comparizione che ha preso di mira un membro della famiglia Trump, in quella che segna una significativa escalation delle indagini sul ruolo di Trump nell’insurrezione del 6 gennaio. La decisione di citare in giudizio i documenti di comunicazione che coinvolgono la famiglia Trump sottolinea la strategia aggressiva che il comitato sta adottando mentre corre per completare le sue indagini mentre combatteva Trump in tribunale sull’accesso ai documenti della sua amministrazione.

I tabulati telefonici ottenuti dal comitato fanno parte di un nuovo giro di registrazioni dei dettagli delle chiamate citate in giudizio da società di comunicazione, affermano diverse fonti alla CNN. Questi record forniscono al comitato registri che mostrano le chiamate in entrata e in uscita, inclusa la data, l’ora e la durata delle chiamate. I record mostrano anche un registro dei messaggi di testo, ma non la sostanza o il contenuto dei messaggi.

Tuttavia, le informazioni possono essere uno strumento investigativo fondamentale per il comitato nel mettere insieme una road map di chi stava comunicando prima, durante e dopo il 6 gennaio.

Sia Eric Trump che Guilfoyle hanno svolto ruoli di primo piano negli sforzi di Trump “Stop the Steal”, inclusa la raccolta fondi di Guilfoyle sulla menzogna secondo cui le elezioni sono state rubate. Entrambi hanno parlato alla manifestazione del 6 gennaio sull’Ellisse che ha preceduto l’attacco al Campidoglio.

I registri possono anche aiutare il comitato a rimpolpare i messaggi di testo e i tabulati telefonici che ha ricevuto da altri, come l’ex capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows, così come da raccolte di fondi e organizzatori di manifestazioni.

CNN segnalato il mese scorso che il comitato aveva già citato in giudizio i tabulati telefonici di oltre 100 persone nell’ambito della sua indagine.
In alcuni casi, società di comunicazione hanno notificato al comitato ristretto gli obiettivi di citazioni, che hanno portato a diverse azioni legali per cercare di prevenire il pannello dall’ottenere i record dei dettagli della chiamata.

I record appena ottenuti includono il numero di cellulare utilizzato da Eric Trump, secondo fonti che hanno familiarità con il numero. Il numero di cellulare di Guilfoyle è stato confermato da fonti che conoscevano il suo numero e i suoi messaggi di testo. Il comitato ha precedentemente identificato questo numero come il numero di Guilfoyle negli scambi di messaggi di testo con altri testimoni.

READ  40 La migliore televisori italiani marche del 2022 - Non acquistare una televisori italiani marche finché non leggi QUESTO!

Non vi è alcuna indicazione che il comitato abbia citato in giudizio direttamente Eric Trump o Guilfoyle per interviste o documenti. Né ci sono prove che il comitato abbia citato in giudizio documenti di comunicazione relativi agli altri figli di Trump, Ivanka Trump o Donald Trump Jr., o suo genero Jared Kushner.

Il comitato ha rilasciato messaggi di testo che Donald Trump Jr. inviato a Meadows mentre si stava svolgendo l’attacco del 6 gennaio, che Meadows ha fornito volontariamente al comitato prima di smettere di collaborare.

Raggiunto dalla CNN martedì pomeriggio, il comitato ha rifiutato di commentare le nuove citazioni di Trump e Guilfoyle.

Ma in un’intervista con Don Lemon della CNN lunedì sera, il membro selezionato del comitato Zoe Lofgren, un democratico della California, ha dichiarato: “Stiamo mettendo insieme le informazioni dalla cerchia ristretta del presidente e da altri che erano in grado di vedere e ascoltare quale fosse la trama . stava conducendo alla rivolta. “

Lofgren ha rifiutato di dire se il comitato avesse ricevuto informazioni dalla famiglia Trump, aggiungendo che “nulla è fuori discussione”.

Secondo una fonte che ha familiarità con il pensiero di Eric Trump sulla citazione in giudizio dei suoi registri delle chiamate, “Non ci sta perdendo il sonno”.

Un avvocato di Guilfoyle ha detto che non le era stata notificata alcuna citazione in giudizio per i suoi archivi. L’avvocato, Joseph Tacopina, ha affermato che la citazione “non ha alcuna conseguenza per lei perché non ha assolutamente nulla da nascondere o di cui preoccuparsi”.

Trump e Guilfoyle in “Stop the Steal”

Il comitato è interessato a Eric Trump a causa del suo coinvolgimento negli eventi del 6 gennaio, compresi gli sforzi relativi a “Stop the Steal”, secondo una fonte che ha familiarità con l’indagine. Eric Trump ha parlato alla manifestazione del 6 gennaio all’Ellipse, citando il tweet di suo padre che chiamava i partecipanti alla manifestazione “patrioti” e mettendo in dubbio la legittimità della vittoria del presidente Joe Biden.

READ  L'economia giapponese si sta restringendo, ma Outlook è brillante come il virus eps

“Ho una domanda per te. C’è qualcuno qui che pensa davvero che Joe Biden abbia vinto queste elezioni?” Eric Trump ha chiesto al raduno. “Nemmeno io, ragazzi, nemmeno io.”

Guilfoyle, che è stato coinvolto nella raccolta di fondi per la campagna di Trump e la manifestazione del 6 gennaio, ha parlato anche all’Ellisse. “Guarda tutti noi qui fuori, patrioti amanti di Dio, amanti della libertà, amanti della libertà, che non permetteranno loro di rubare queste elezioni”, ha detto Guilfoyle. “Non permetteremo ai liberali e ai democratici di rubare il nostro sogno o rubare le nostre elezioni”.

Il comitato ha identificato il numero di Guilfoyle negli scambi di messaggi di testo con altri testimoni, secondo due fonti. A novembre prima ProPublica segnalato che Guilfoyle si vantava con i messaggi di testo di aver raccolto milioni per la manifestazione del 6 gennaio.

L’avvocato di Guilfoyle ha negato a ProPublica che i testi fossero collegati alla manifestazione del 6 gennaio o che Guilfoyle fosse coinvolto nella raccolta di fondi o nell’approvazione degli oratori.

Trump ha accumulato una cassa di guerra di oltre 100 milioni di dollari nei mesi successivi alla sua partenza dalla Casa Bianca, raccogliendo decine di milioni di dollari mentre diffonde le sue bugie sul furto delle elezioni del 2020.

La serie di testi che il comitato ha pubblicato il mese scorso includeva uno scambio tra Donald Trump Jr. e Meadows mentre si stava svolgendo l’attacco del 6 gennaio. Trump Jr. ha scritto a Meadows: “Deve condannare questa merda al più presto. Il tweet della polizia del Campidoglio non è sufficiente”.

“Sto spingendo forte. Sono d’accordo”, ha risposto Meadows.

READ  Con 148 milioni di dollari di arretrato, Evergrande è sull'orlo del default

Il contenuto di quei testi è stato rivelato a dicembre dal Wyoming Rep. Liz Cheney, la principale repubblicana della giuria, durante il voto alla Camera per disprezzare Meadows. Cheney ha detto che Trump Jr. ha scritto “ancora e ancora”, incluso un messaggio a Meadows, “Abbiamo bisogno di un indirizzo ovale dell’ufficio. Deve guidare ora. È andato troppo oltre ed è sfuggito di mano”.

Cheney ha detto che il comitato ha “testimonianza di prima mano” che Ivanka Trump è andata allo Studio Ovale in “almeno due occasioni” per cercare di convincere suo padre a dire qualcosa per fermare l’attacco al Campidoglio.
Chiarimento: questa storia è stata aggiornata per chiarire l’interesse del comitato per Kimberly Guilfoyle ed Eric Trump.

Kara Scannell e Christie Johnson della CNN hanno contribuito a questo rapporto.