Maggio 28, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Gli astronauti della NASA fanno passeggiate spaziali per fornire aggiornamenti energetici alla stazione spaziale

Gli astronauti della NASA fanno passeggiate spaziali per fornire aggiornamenti energetici alla stazione spaziale

La stazione spaziale si sta preparando per ulteriori aggiornamenti di potenza mentre due astronauti della NASA hanno fatto la loro prima passeggiata spaziale dell’anno martedì.

Gli astronauti Kayla Barron e Raja Chari sono rimbalzati e sono usciti dalla stazione spaziale per iniziare alcune installazioni intorno alle 8:12 ET e hanno terminato la loro passeggiata spaziale alle 15:06 ET. La copertura in diretta è iniziata sulla TV della NASA e sito web Alle 6:30 ET, la passeggiata spaziale è durata sei ore e 54 minuti.

Questa è stata la 247a passeggiata spaziale a supporto dell’assemblaggio, della manutenzione e della modernizzazione della stazione spaziale.

Il duo spaziale ha assemblato e installato kit di modifica che consentiranno futuri aggiornamenti dei pannelli solari al di fuori della stazione spaziale. Barron e Chari hanno installato i montanti e le staffe che verranno utilizzati per supportare l’arrivo di più ISS Roll-Out Solar Arrays, o iROSA.

Cattura l'eredità della Stazione Spaziale Internazionale prima che colpisca l'oceano

Durante la passeggiata spaziale, Barron era il membro dell’equipaggio EV 1 che indossava la tuta a strisce rosse e Chari è stato identificato come il membro dell’equipaggio EVA 2 con la tuta a strisce. Questa è stata la seconda carriera di Barron nello spazio dopo aver completato il suo primo volo a dicembre e il primo nella carriera di Shari.

Due degli iROSA sono stati installati durante le precedenti passeggiate spaziali e, una volta installati tutti gli array, si prevede che sei degli otto canali di alimentazione della stazione spaziale aumenteranno, portando la fornitura disponibile da 160 kW a 215 kW.

Sei dei pannelli solari sono arrivati ​​​​alla stazione spaziale il 5 giugno dopo essere stati lanciati nella 22a missione di rifornimento del carico SpaceX Dragon. I tappetini sono drappeggiati come un tappeto e sono larghi 750 libbre (340 kg) e larghi 10 piedi (3 m). Altre quattro matrici verranno consegnate durante una futura missione.

READ  SpaceX lancerà il suo terzo Starlink consecutivo [webcast]

Sebbene gli attuali pannelli solari della stazione spaziale siano ancora operativi, alimentano la stazione spaziale da oltre 20 anni e mostrano alcuni segni di usura dopo l’esposizione a lungo termine all’ambiente spaziale. Gli array sono stati originariamente progettati per durare 15 anni.

I nuovi pannelli solari saranno posizionati davanti a quelli esistenti. È anche un buon test per i nuovi pannelli solari perché questo stesso design alimenterà parti dell’avamposto lunare Gateway, che aiuterà gli umani a tornare sulla luna attraverso Programma Artemis della NASA.

L’agenzia si sta preparando per una seconda passeggiata spaziale il 23 marzo, a partire dalle 8:50 ET.

Sebbene i membri dell’equipaggio non siano stati ancora annunciati, saranno responsabili di apportare una serie di aggiornamenti all’installazione, inclusa la sostituzione della camma esterna e il posizionamento di tubi flessibili sull’unità della valvola del raggio del radiatore che dirigono l’ammoniaca attraverso i radiatori di eliminazione del calore della stazione per mantenerla in buono stato temperatura.

Cooperazione internazionale nello spazio

La stazione spaziale sta per diventare un fulcro delle attività, con un nuovo equipaggio russo che partirà venerdì verso la Stazione Spaziale Internazionale, unendosi ai quattro americani, un europeo e due Rosanne già a bordo.

Il 30 marzo, l’astronauta della NASA Mark Vande Hee dovrebbe tornare sulla Terra con i cosmonauti russi Anton Shkaplerov e Pyotr Dubrov.

La NASA ha annunciato lunedì che Vande Hee tornerà dalla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navicella russa Soyuz come precedentemente pianificato. L’agenzia spaziale ha cercato di riaffermare lunedì che sta ancora lavorando a stretto contatto con l’agenzia spaziale russa Rokosmos sulla Stazione Spaziale Internazionale, nonostante l’escalation delle tensioni geopolitiche.

La NASA afferma che gli americani a bordo della Stazione Spaziale Internazionale torneranno sicuramente a bordo di un razzo russo.

Vande Hee, che è decollato verso la Stazione Spaziale Internazionale nell’aprile 2021, atterrerà a bordo della navicella spaziale russa Soyuz in Kazakistan, come al solito. I funzionari della NASA non hanno detto che ci sarebbero stati cambiamenti significativi ai piani per riportare Vande Hee negli Stati Uniti dopo l’atterraggio. Tornerà a casa via Gulfstream, come hanno fatto altri astronauti americani prima di lui.

READ  Le capacità di guida autonoma della NASA Perseverance Rover sono messe alla prova nella corsa verso il delta di Marte

Per quasi un decennio, i veicoli russi Soyuz sono stati l’unico mezzo di trasporto degli astronauti da e verso la stazione spaziale. Ma quella dipendenza è finita dopo che SpaceX ha lanciato la sua capsula Crew Dragon nel 2020 e gli Stati Uniti hanno ripristinato le capacità di volo spaziale umano.

Le operazioni congiunte tra la NASA e Roscosmos presso le strutture russe di Baikonur, in Kazakistan, “stanno proseguendo bene”, secondo Joel Montalbano, responsabile del programma per la Stazione Spaziale Internazionale della NASA. “Posso sicuramente dirtelo, Mark [Vande Hei] A bordo della navicella spaziale russa Soyuz, ha detto Montalbano lunedì.