Maggio 23, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Gli investitori hanno assistito all’aumento dei tassi di interesse degli animali domestici mentre il dollaro è salito e le azioni si sono mescolate

Immagine dell’edificio della Federal Reserve statunitense a Washington il 18 marzo 2008. REUTERS / Jason Reid / File foto

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

WASHINGTON, 27 gennaio (Reuters) – Giovedì le azioni statunitensi hanno dipinto un quadro contrastante mentre gli investitori hanno digerito come notizie economiche forti potrebbero suggerire un rialzo dei tassi di interesse della Federal Reserve.

Dopo un buon inizio, il titolo si è ritirato a mezzogiorno con il mix Nasdaq ad alto contenuto tecnologico. (.IXIC) E S&P 500 (.SPX) Diminuisce rispettivamente dello 0,65% e dello 0,16%.

Media industriale del Dow Jones (.DJI) Aumentato dello 0,12%. Codice azionario globale MSCI (.MIWD00000PUS)Le azioni di 45 paesi sono scese dello 0,48%.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Giovedì mattina i mercati si sono aperti con ottimismo sugli ultimi dati che mostrano che l’economia statunitense è cresciuta del 6,9% nel quarto trimestre, la crescita più rapida dal 1984. Ma i profitti sono crollati quando gli investitori hanno implementato il modo in cui la banca centrale potrebbe riflettere una forte crescita economica. Jerome Powell ha dichiarato mercoledì in una conferenza stampa che la principale preoccupazione della banca centrale era l’inflazione.

“Questa è una buona notizia per la salute dell’economia statunitense, ma rafforza anche la tesi della politica di aggressione della Federal Reserve”, ha affermato David Madden, analista di mercato di Equity Capital. “Nonostante la forte lettura del PIL, le azioni statunitensi sono più alte, il che potrebbe indicare che i concessionari stanno usando l’idea di un aumento di quattro o cinque punti quest’anno”.

READ  SpaceX lancia i satelliti Starling su "American sweep" e lancia un razzo in mare

Il dollaro è in aumento

La possibilità di aumenti rapidi o ampi dei tassi di interesse statunitensi ha contribuito a spingere il dollaro al livello più alto da luglio 2020.

Nel suo ultimo aggiornamento politico di mercoledì, la banca centrale ha ribadito l’intenzione di porre fine ai suoi acquisti di obbligazioni durante il periodo epidemico quel mese prima di iniziare una significativa riduzione delle sue attività, come ampiamente previsto, per aumentare i tassi a marzo. Per saperne di più

I Fed Fund Futures hanno mostrato un aumento del 5% degli scambi a dicembre, dopo aver fissato completamente i prezzi per i quattro precedenti. FEDWATCH

L’indice del dollaro, che misura il valore del biglietto verde rispetto alle altre principali valute, è salito dello 0,8%, il suo più grande guadagno di un giorno in più di due mesi. Per saperne di più

Le aspettative di un inasprimento della Fed hanno portato il rendimento a due anni degli Stati Uniti, sensibile alla politica monetaria, a un massimo intraday dell’1,208%, raggiunto l’ultima volta a febbraio 2020. Il rendimento a due anni è stato leggermente inferiore a 1,1683% nel commercio pomeridiano.

I rendimenti del benchmark a 10 anni sono scesi all’1,7869% dopo essere saliti all’1,88% mercoledì.

Gli investitori prevedono che il ritmo di inasprimento della politica della banca centrale nei prossimi mesi sarà un fattore determinante della percezione del rischio, anche se la velocità con cui la banca crescerà dipenderà dai dati economici e soprattutto dall’inflazione.

“Il nostro nuovo caso fondamentale per sei aumenti di quest’anno pone sfide alle nostre prospettive positive sui titoli statunitensi. Tuttavia, se la crescita degli utili è forte, non sarà sufficiente monitorarla separatamente”, hanno scritto gli analisti di BNP Paribas. Nota.

READ  40 La migliore marche frigoriferi incasso del 2022 - Non acquistare una marche frigoriferi incasso finché non leggi QUESTO!

I prezzi del petrolio sono leggermente diminuiti nel corso della giornata dopo che le tensioni tra Russia e Ucraina sono aumentate ai massimi degli ultimi sette anni.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato mercoledì che la Russia ha tenuto colloqui di sicurezza con le nazioni occidentali e ha intensificato la sua formazione militare vicino all’Ucraina, aprendo la strada a richieste russe più ampie nell’Europa orientale. Per saperne di più

Il greggio Brent è sceso dello 0,59% a 89,43 dollari al barile. Il greggio statunitense è sceso dello 0,7% a 86,74 dollari al barile.

L’oro spot è sceso dell’1,36% a $ 1.793 l’oncia a $ 1.853 all’inizio della settimana.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Montaggio di Robert Brussel, Catherine Evans e Jonathan Odyssey

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.