Gennaio 29, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

I 3 corpi trovati potrebbero essere collegati a lotte nelle Isole Salomone

MELBOURNE, Australia – Dopo giorni di disordini nelle Isole Salomone, i manifestanti hanno chiesto le dimissioni del primo ministro Manasseh Chowk, hanno dato fuoco a edifici e negozi saccheggiati e hanno trovato i corpi di tre persone in un edificio in fiamme, hanno detto i funzionari sabato.

Sono i primi decessi nella capitale del Paese, Hon’ble, dopo giorni di violente proteste. Un portavoce della polizia ha detto che i tre corpi bruciati sono stati trovati nei resti di un negozio nel distretto di Chinatown. Ha detto che la polizia stava indagando sulla morte.

Non è chiaro se le morti siano state direttamente collegate alle proteste, ma sono arrivate dopo che le autorità cinesi hanno esortato le Isole Salomone a proteggere i cittadini e le imprese cinesi. La Chinatown di Hon’ble è una delle zone più prese di mira al mondo.

La decisione del governo centrale delle Isole Salomone di spostare le sue relazioni diplomatiche da Taiwan alla Cina nel 2019 è stata la forza trainante dell’opposizione, che, secondo gli esperti, esacerba i torti sociali e politici che dividono la nazione.

Molti dei manifestanti provenivano dall’isola più popolosa del paese, Malata, verso l’isola di Guadalupa, la capitale. Lo stretto rapporto tra le due isole ha lasciato Malata, una delle province più povere della nazione, per decenni a causa della distribuzione ineguale e della crescita delle risorse economiche. Contrariamente alla decisione del governo federale di allearsi diplomaticamente con Pechino, il suo governo provinciale mantiene relazioni con Taiwan.

Mercoledì il sig. La manifestazione pianificata è diventata violenta quando i manifestanti hanno assediato il parlamento chiedendo le dimissioni di Sokavare. Per le strade, si sono scontrati con gli agenti di polizia, che hanno sparato gas lacrimogeni e aperto il fuoco. I manifestanti hanno dato fuoco a una stazione di polizia, un liceo e diversi edifici a Chinatown. Hanno saccheggiato i negozi e prima di essere respinto dalla polizia, il sig. Sono stati fatti tentativi di saccheggiare la casa privata di Sokavare.

READ  Potrebbe esserci un problema con la domanda e la distribuzione dell'iPhone di Apple

Con l’intensificarsi delle proteste, i membri del parlamento dell’opposizione e il primo ministro di Maladia, Daniel Zuidani, hanno invitato il sig. La tragedia ha intensificato la richiesta delle sue dimissioni. Ma ha negato che “se sarò rimosso dalla carica di presidente del Consiglio, avverrà in Parlamento”.

L’ambasciata cinese ha invitato i cittadini cinesi a Hon’ble a chiudere le loro attività e a schierare personale di sicurezza, come ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri cinese. Disse La Cina sta adottando tutte le misure necessarie per proteggere la sicurezza, i diritti e gli interessi legali dei cittadini e delle organizzazioni cinesi nelle Isole Salomone.

Polizia Disse Sabato hanno arrestato più di 100 persone in relazione alle rivolte e il commissario di polizia ha chiesto ai residenti di “rispettarsi l’un l’altro, così come i nostri amici dall’estero”.

Sabato mattina, le rivolte si erano in gran parte fermate e le strade erano tranquille, con giornalisti locali e social media, agenti di polizia e forze di pace che pattugliavano le strade. L’Australia ha inviato circa 100 agenti di polizia e soldati giovedì e venerdì per aiutare a stabilizzare la situazione, mentre la Papua Nuova Guinea ha inviato 35 agenti di polizia e di riforma venerdì.

Si dice che più di 1.500 migranti asiatici siano stati sfollati a causa dei disordini. Secondo Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari.