Gennaio 29, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Jim Jordan: House Committee cerca di intervistare GOP firebrand il 6 gennaio

La Giordania aveva precedentemente avvertito il gruppo che prendere di mira i legislatori del GOP in qualsiasi modo potrebbe portare a ritorsioni politiche se i repubblicani riprendessero la Camera dopo le elezioni di medio termine del prossimo anno.

Il secondo alleato di Trump, il Partito Repubblicano dell’Ohio, ha ricevuto la richiesta di intervista questa settimana. Rappresentante della Pennsylvania Scott Perry Ha già respinto la richiesta del gruppo di un sit-in volontario con gli inquirenti, promettendo invece di continuare a lottare contro i “fallimenti dell’estrema sinistra”.
Il rappresentante democratico del Mississippi Benny Thompson, che presiede il comitato, afferma In una lettera alla Giordania Il panel vuole saperne di più sulla sua comunicazione con Trump il 6 gennaio.

“Sappiamo che hai avuto almeno uno o più contatti con il presidente Trump il 6 gennaio. Vorremmo discutere con te ogni comunicazione di questo tipo in dettaglio”, ha scritto Thompson.

Il gruppo ha scritto nella sua lettera che Trump stava guardando una trasmissione televisiva dell’attacco del 6 gennaio dalla sua sala da pranzo privata accanto allo Studio Ovale e che Trump aveva cercato di ritardarlo o impedirlo attraverso il suo team legale. Conteggio elettorale anche dopo lo scioglimento dell’assemblea.

“E vorremmo chiedere informazioni su qualsiasi contatto che potresti avere con quelli nella Willard War Room il 5 o il 6 gennaio, il Comitato legale di Trump, lo staff della Casa Bianca o coloro che sono coinvolti nell’organizzazione o nella pianificazione delle attività e delle strategie per il 6 gennaio. Willard InterContinental il 6 gennaio a Washington La lettera menziona il “centro di comando” legato alle elezioni per gli alleati di Trump nell’hotel.

Il comitato propone di incontrare Jordan quando tornerà alla Casa Washington nella settimana del 3 gennaio, 4 gennaio o 10 gennaio. Il comitato propone anche di condurre interviste nel distretto giordano se è conveniente per il Congresso.

READ  Pesce caduto dal cielo nel Texas orientale

L’ufficio di Jordan non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

SMS inviato

Jordan è stato identificato come uno dei legislatori L’allora capo di gabinetto della Casa Bianca ha inviato un messaggio di testo a Mark Meadows Quel gruppo è a sua disposizione. Un messaggio inviato a Jordan Meadows il 5 gennaio ha delineato il principio legale secondo cui l’allora vicepresidente Mike Pence aveva il potere di ostacolare la certificazione delle elezioni del 2020.

Parte di quel messaggio è stata letta dal comitato ristretto durante il rapporto sulla diffamazione del 6 gennaio, prima che l’intero consiglio votasse per decidere su possibili accuse di oltraggio prima di raccomandare Meadows alla magistratura.

Un portavoce giordano aveva precedentemente confermato alla CNN di aver inviato un messaggio di testo a Meadows il 5 gennaio, che gli era stato inoltrato dall’ex ispettore generale del Dipartimento della Difesa Joseph Schmidts. Il discorso di Schmidt includeva una bozza di presentazione in cui sosteneva che Pence aveva l’autorità costituzionale per opporsi alla certificazione dei risultati elettorali di alcuni stati.

Le richieste di interviste sia di Perry che di Jordan segnano un passo significativo nelle indagini e potrebbero portare all’emissione di sub-bonus di gruppo ai legislatori che si rifiutano volontariamente di collaborare, il che può aumentare notevolmente le tensioni politiche.

Quando Perry si è rifiutato di parlare con il gruppo martedì, il gruppo ha condannato le sue azioni, ma ha smesso di dire che offriva una sapona.

‘Non ho nulla da nascondere’

La Giordania è stata a lungo vista come un obiettivo di gruppo. Ad agosto, la Giordania faceva parte di un gruppo di legislatori repubblicani ai cui tabulati telefonici è stato chiesto di proteggere varie società. A quel tempo, la Giordania ha avvertito del precedente stabilito dal comitato se avesse seguito gli attuali membri del Congresso.

READ  Risultati delle elezioni per il sindaco di Boston: Michelle Woo farà la storia dopo che Annisa Scibe George sarà d'accordo, piani della CNN

In una lettera alla Giordania, il comitato ha citato il Congresso dell’Ohio dicendo: “Non ho nulla da nascondere. Sono sempre stato diretto”. Fino al 6 gennaio.

Se i repubblicani reclamassero la Camera, la Giordania potrebbe essere in grado di seguire i democratici, considerati i prossimi in fila per presiedere la commissione giudiziaria.

La Giordania ha fornito un megafono per la storia del furto elettorale del 2020.

In un’intervista con Fox News nel dicembre 2020, Jordan ha dichiarato: “Non so come puoi convincermi che il presidente Trump non ha davvero vinto questa cosa in termini di tutte le cose che vedi”.

Il giorno prima che il gruppo pubblicasse la sua lettera, Jordan e altri senatori repubblicani. Mike Lee ha anche partecipato a una “presentazione” telefonica ai sostenitori del Comitato di azione politica conservatore, guidato dall’alleato di Trump Matt Schlob, che si è concentrato sulla critica al comitato di selezione della Camera. Secondo una fonte vicina all’appello, è in corso un’indagine sui disordini del 6 gennaio.

L’invito, inviato esclusivamente ai sostenitori del CPAC, si basava su una copia ricevuta dalla CNN sugli sforzi della Giordania per “proteggere gli americani dall’ampio sabotaggio e invasione del comitato del 6 gennaio”.

Questa storia è stata aggiornata con maggiori dettagli.