Maggio 27, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

La Polonia si rifiuta di affrontare la Russia nelle qualificazioni ai Mondiali dopo aver invaso l’Ucraina

La Polonia si rifiuta di affrontare la Russia nelle qualificazioni ai Mondiali dopo aver invaso l'Ucraina



CNN

La Polonia non affronterà la Russia in un cruciale playoff di qualificazione alla Coppa del Mondo 2022 a marzo a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il presidente della Federcalcio polacca Cesare Kuleza annunciare La notizia è di sabato.

“Niente più parole, è tempo di agire! A causa dell’escalation dell’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina, la nazionale polacca non ha intenzione di giocare uno spareggio contro la Russia”.

“Siamo in trattative con le federazioni (svedese) e (ceca) per presentare una dichiarazione congiunta alla FIFA”.

La Polonia avrebbe dovuto recarsi a Mosca per affrontare la Russia giovedì 24 marzo, mentre l’Ucraina avrebbe dovuto recarsi per affrontare la Scozia lo stesso giorno.

Il vincitore della partita Polonia-Russia ospiterà la Svezia o la Repubblica Ceca il 29 marzo nella finale della trasferta di qualificazione ai Mondiali.

La star del Bayern Monaco e attaccante polacco Robert Lewandowski ha fatto eco ai sentimenti di Kuleza, dicendo: “È la decisione giusta!

“Non riesco a immaginare di giocare una partita con la nazionale russa in una situazione in cui l’aggressione armata continua in Ucraina”, ha scritto Lewandowski in un tweet. “I giocatori e i tifosi russi non sono responsabili di questo, ma non possiamo fingere che non sia successo niente”.

Altri membri della squadra polacca hanno rilasciato dichiarazioni congiunte sui loro social media – una in polacco e una in inglese – approvando la decisione della loro FA.

“Noi, i giocatori della nazionale polacca, insieme alla Federcalcio polacca, abbiamo deciso che a seguito dell’aggressione russa contro l’Ucraina, non abbiamo intenzione di giocare gli spareggi contro la Russia”, Egli ha detto.

“Non è una decisione facile, ma nella vita ci sono cose più importanti del calcio. Il nostro pensiero va alla nazione ucraina e al nostro amico della nazionale, Thomas Kidziora, che è ancora a Kiev con la sua famiglia”.

Firma la dichiarazione con gli hashtag #SolidarnizUkraina (in solidarietà con l’Ucraina) e #NoWarPlease.

Kidziora è un difensore di 27 anni che ha giocato per la Dynamo Kiev.

La Federcalcio polacca era petto In una dichiarazione giovedì ha affermato di ritenere che le qualificazioni non dovrebbero svolgersi in Russia.

Lewandowski segna contro la Svezia nella partita di Euro 2020.

“Sulla base dell’attuale preoccupante sviluppo del conflitto tra Russia e Ucraina, inclusa la situazione della sicurezza, le Federazioni calcistiche polacche (PZPN), Svezia (SvFF) e Repubblica Ceca (FAČR) esprimono la loro ferma posizione sul fatto che le partite ad eliminazione si qualificano e non dovrebbe svolgersi La Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, che si terrà il 24 e 29 marzo 2022, nel territorio della Federazione Russa.

I firmatari di questo appello non considerano l’idea di viaggiare in Russia e di giocarci a calcio. L’escalation militare che stiamo osservando ha conseguenze terribili e molta meno sicurezza per le nostre squadre e delegazioni nazionali di calcio.

“Pertanto, ci aspettiamo che FIFA e UEFA reagiscano immediatamente e offrano soluzioni alternative in termini di sedi in cui possono svolgersi gli spareggi”.

di venerdì, Lo ha annunciato la Federcalcio europea La finale di Champions League di quest’anno non si terrà a San Pietroburgo dopo una riunione straordinaria del comitato esecutivo dell’organo di governo.

La finale del 2022 doveva tenersi allo stadio Krestovsky, sponsorizzato dalla compagnia statale russa Gazprom, ma ora sarà spostata allo Stade de France di Parigi per essere giocata nella data originale del 28 maggio.

Altrove, alcuni dei migliori atleti russi si sono espressi contro la guerra in Ucraina.

Il numero uno del mondo Daniil Medvedev ha detto che era “tutto per la pace” mentre Andrei Rublev ha anche sostenuto la pace, scrivendo “No alla guerra per favore” davanti alla telecamera dopo la vittoria. Scrivere sull’obiettivo è una pratica comune dopo le partite di tennis.

READ  40 La migliore sacche stagne del 2022 - Non acquistare una sacche stagne finché non leggi QUESTO!