Maggio 28, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

La Svizzera neutrale si prepara a congelare i beni russi – presidente

La Svizzera neutrale si prepara a congelare i beni russi - presidente

Il presidente svizzero Ignazio Cassis ha tenuto una conferenza stampa dopo una riunione del Bundesrat del governo svizzero a Berna, in Svizzera, il 24 febbraio 2022. REUTERS/Arnd Wegmann

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • L’occhio neutrale svizzero adotta le sanzioni dell’UE
  • Il congelamento dei beni russi “molto probabile” – Cassis
  • Gli svizzeri sono pronti ad aiutare l’afflusso di profughi

GINEVRA (Reuters) – Il presidente svizzero Ignazio Cassis ha affermato domenica che è “molto probabile” che lunedì la Svizzera neutrale seguirà l’esempio dell’Unione europea nel punire la Russia e nel congelare i beni russi nel Paese alpino.

Cassis, in un’intervista alla televisione pubblica svizzera in francese, ha affermato che il Consiglio federale di sette membri si riunirà lunedì e esaminerà le raccomandazioni dei ministeri delle finanze e dell’economia.

Alla domanda se la Svizzera, importante piazza finanziaria e hub commerciale di materie prime, seguirà l’Unione Europea nel congelamento dei beni russi, ha detto: “È molto probabile che il governo deciderà di farlo domani, ma non posso anticipare decisioni che non hanno ancora stato preso…”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Cassis ha affermato che la neutralità della Svizzera deve essere preservata e che è disposta a offrire i suoi buoni uffici per la diplomazia se i colloqui tra funzionari ucraini e russi al confine bielorusso non hanno funzionato, ad esempio raggiungendo una tregua.

“Questo non ci impedisce di chiamare un picche”, ha detto.

La Svizzera ha tagliato il confine tra la solidarietà con l’Occidente e il mantenimento della sua tradizionale neutralità, che secondo il governo potrebbe farne un potenziale mediatore.

READ  Con milioni di persone in fuga dall'Ucraina, alcuni paesi accolgono molti più rifugiati di altri

Ma sta affrontando una crescente pressione per schierarsi con l’Occidente contro Mosca e per imporre sanzioni punitive dall’Unione Europea. Il governo ha finora affermato che non consentirà alla Svizzera di essere utilizzata come piattaforma per aggirare le sanzioni dell’UE.

Nella più grande manifestazione per la pace degli ultimi decenni, sabato circa 20.000 persone hanno manifestato nella capitale Berna a sostegno dell’Ucraina, con alcuni che hanno fischiato il governo per la sua politica prudente.

Domenica, Cassis ha affermato che gli ucraini in fuga dal conflitto sarebbero i benvenuti “per un periodo di transizione che speriamo sia il più breve possibile”.

Separatamente, il ministro della Giustizia Karin Keller-Sutter ha affermato che la Svizzera è pronta ad accogliere coloro che necessitano di protezione e a sostenere i paesi vicini colpiti. “Non lasceremo le persone in una situazione difficile”, ha detto.

La scorsa settimana il governo svizzero ha rivisto la sua lista di controllo per includere 363 individui e quattro società che l’Unione Europea ha inserito nell’elenco delle sanzioni per punire Mosca. Per saperne di più

I dati della Banca nazionale svizzera mostrano che i russi possedevano circa 10,4 miliardi di franchi svizzeri (11,24 miliardi di dollari) in Svizzera nel 2020.

(1 dollaro = 0,9252 franchi svizzeri)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Michael Shields. Montaggio di Emilia Sithole Mataris e Diane Kraft

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.