Maggio 27, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

McDonald’s chiude temporaneamente i ristoranti russi

McDonald's chiude temporaneamente i ristoranti russi

McDonald’s, PepsiCo e altre società sono state richiamate dal controllore dello Stato di New York Thomas Dianapoli.

Prima che McDonald’s e PepsiCo facessero il loro annuncio, DiNapoli ha inviato un’e-mail a un certo numero di società rappresentate nel fondo pensione congiunto dello Stato di New York, comprese quelle due, esortandole a smettere di fare affari con la Russia.

“Aziende come McDonald’s e PepsiCo, che hanno una grande presenza in Russia, dovrebbero considerare se fare affari in Russia valga la pena rischiare in questo periodo straordinariamente turbolento”, ha affermato Dinapoli in una nota.

Martedì, McDonald’s ha parlato e altri importanti venditori di cibo hanno seguito l’esempio.

McDonald’s

McDonald's ha detto martedì che chiuderà le sue sedi in Russia.

“McDonald’s ha deciso di chiudere temporaneamente tutti i nostri ristoranti in Russia e cessare temporaneamente tutte le operazioni di mercato”, ha dichiarato il CEO Chris Kempczynski in una dichiarazione quel giorno.

Secondo un documento per gli investitori, alla fine dello scorso anno c’erano 847 sedi di McDonald’s in Russia.

A livello globale, la maggior parte McDonald’s (MCD) I siti sono gestiti da operatori in franchising. Ma questo non è il caso della Russia, dove la società gestisce l’84% dei siti, secondo il documento. Secondo il documento, i ristoranti russi, insieme ad altri 108 ristoranti in Ucraina, tutti gestiti da McDonald’s, hanno rappresentato il 9% delle entrate dell’azienda nel 2021.

“In Russia, impieghiamo 62.000 persone che hanno riversato il loro cuore e la loro anima nel nostro marchio McDonald’s per servire le loro comunità. Lavoriamo con centinaia di fornitori e partner locali e russi che producono cibo per il nostro menu e supportano il nostro marchio”, ha affermato Kempzinski. . “Serviamo ogni giorno milioni di clienti russi che dipendono da McDonald’s. Nei 30 anni in cui McDonald’s ha operato in Russia, siamo diventati una parte essenziale delle 850 comunità in cui operiamo”.

READ  H&M, Oracle e il produttore di videogiochi EA aggiungono la condanna aziendale della Russia

Ma, ha aggiunto, “Allo stesso tempo, i nostri valori significano che non possiamo ignorare l’inutile sofferenza umana che si sta svolgendo in Ucraina”.

Starbucks

“Oggi abbiamo deciso di sospendere tutte le attività commerciali in Russia”, ha detto martedì il CEO di Starbucks Kevin Johnson in una lettera ai dipendenti.

Ha aggiunto: “Il nostro partner autorizzato ha accettato di sospendere immediatamente le operazioni del negozio e supporterà quasi 2.000 [employees] in Russia che dipendono da Starbucks per il loro sostentamento”.

Johnson ha aggiunto che Starbucks ha interrotto la spedizione di tutti i prodotti Starbucks in Russia. “Condanniamo gli orribili attacchi contro l’Ucraina da parte della Russia ed esprimiamo il nostro cuore a tutte le persone colpite”, ha affermato.

Coca Cola

Martedì la Coca-Cola ha anche detto che avrebbe “sospenduto le sue attività in Russia”.

“I nostri pensieri sono rivolti alle persone che stanno subendo gli incredibili effetti di questi tragici eventi in Ucraina”, ha affermato la società, aggiungendo che monitorerà la situazione mentre le cose cambiano.

PepsiCo, Danone e Unilever

Martedì, il CEO di PepsiCo Ramon LaGuerta ha spiegato come PepsiCo affronta la situazione.

“A causa degli orribili eventi che si svolgono in Ucraina, stiamo annunciando la sospensione della vendita di Pepsi-Cola e dei nostri marchi globali di bevande in Russia, tra cui 7Up e Mirinda”. Lagorta ha aggiunto che PepsiCo sospenderà gli investimenti di capitale, la pubblicità e le attività promozionali in Russia.

Ma PepsiCo continuerà a vendere alcuni dei suoi prodotti, tra cui alimenti per lattanti, alimenti per l’infanzia, latte e altre opzioni casearie.

“È nostra responsabilità continuare a offrire i nostri altri prodotti in Russia, comprese le necessità quotidiane”, ha affermato Lagarta. “Continuando a operare, continueremo anche a sostenere i mezzi di sussistenza di 20.000 dei nostri partner russi e 40.000 lavoratori agricoli russi nella nostra catena di approvvigionamento mentre affrontano sfide significative e incertezze future”, ha aggiunto.

READ  Cramer afferma che le azioni potrebbero scendere prima del previsto perché Wall Street è così negativa

Pharrell Bertman, dietista registrato e docente senior presso il Dipartimento di nutrizione e scienze alimentari dell’Università del Vermont, ha avvertito che se le principali aziende alimentari lasciassero completamente la Russia, i cittadini potrebbero soffrire, anche se avessero altre fonti di cibo.

“Sento fortemente che alle persone dovrebbe essere data l’opportunità di acquistare una varietà di alimenti a prezzi diversi”, ha affermato. “Può essere fatto con successo solo se c’è l’accesso.”

“In definitiva, gli alimenti devono essere forniti”, ha detto, aggiungendo: “Sarei molto preoccupata se l’ambiente alimentare [were] per un cambiamento drastico”.

Altre società hanno adottato un approccio simile a Pepsi.

Danone (Danny)che produce alternative al latte di seta, Activia, yogurt Oikos, latte artificiale e altro, ha affermato in a Post di LinkedIn “Abbiamo deciso di sospendere tutti i progetti di investimento in Russia”, ha detto domenica, aggiungendo che ciò “preserverebbe la nostra produzione e distribuzione di latticini freschi e nutrizione infantile, per soddisfare i bisogni nutrizionali di base della popolazione locale”.
Unilever (acqua) Questa settimana ha rilasciato una dichiarazione simile, dicendo che “continueremo a fornire quotidianamente prodotti di base e per l’igiene realizzati in Russia alle persone nel paese”, aggiungendo: “Lo terremo sotto stretto controllo”.

La società ha indicato di aver smesso di importare i suoi prodotti in Russia, interrompendo tutti gli investimenti nel paese, oltre a fermare le esportazioni da lì. Non trarrà vantaggio dalla sua presenza in Russia.

Biden annuncia il divieto alle importazioni di energia russe

YEM e i suoi operatori in franchising

Alcune catene di ristoranti devono collaborare con gli affiliati per prendere decisioni importanti, come le operazioni di chiusura.

Yum Brands (WL)che possiede KFC, Pizza Hut, Taco Bell e The Habit Grill, Egli ha detto In una dichiarazione, ha affermato che avrebbe “sospenduto le operazioni dei ristoranti di proprietà di KFC in Russia e finalizzato un accordo per sospendere tutte le operazioni dei ristoranti Pizza Hut in Russia, in collaborazione con il principale franchisee”.

“Questa azione si basa sulla nostra decisione di sospendere tutti gli investimenti e lo sviluppo di ristoranti in Russia e di reindirizzare tutti i profitti delle operazioni in Russia agli sforzi umanitari”, ha aggiunto la società.

READ  Live Nation, SeaWorld, Gannett e altro ancora

Yum ha circa 1.000 ristoranti KFC e 50 sedi di Pizza Hut in Russia. La maggior parte di queste società sono gestite da proprietari indipendenti, ha affermato la società.

Robert North della CNN ha contribuito a questo rapporto.