Dicembre 9, 2021

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Nathan Evolti, Boston Red Sox Trouble su chiamata chiave-strike in perdita per Houston Astros

Boston – Brocca Red Sox Nathan Evalti Houston Astros ha fatto due passi verso la panchina durante la sua curva 1-2 contro Catcher Jason Castro Atterrato nel guanto del ricevitore Christian Vasquez È vicino all’angolo in alto a destra della zona dello strike. Con due out già nel nono inning, Evalti credette presto di essere bloccato all’interbase di Astros. Carlos Corea Seconda Base e Primo Comandante Yuli Curiel Primo, ma il blade umpire Los Dias non ha segnalato un punchout che ha finito per pareggiare 2 punti nella metà casalinga dell’inning.

Invece, l’ad-bat continuò, con Castro che alla fine cantò al centro del campo, battendo la Corea per dare a Houston un vantaggio di 3-2 in gara 4 delle American League Championship Series. Presto le ruote sono cadute su Boston, che ha rinunciato a sette run nella finale di martedì, con gli Astros che hanno vinto 9-2 per pareggiare la serie a due a testa, spingendo per almeno la sesta partita, che tornerà a Houston.

“Pensavo fosse uno sciopero, ma ancora una volta, sono qui ora. Sto cercando di costruire i miei campi”, ha detto Evalti dopo la partita. “Sto attaccando la zona.”

Secondo ESPN Statistics & Information Research, anche se Boston non è d’accordo con la chiamata, la possibilità che venga chiamata lo strike della curva di Evaldi è del 23%.

La chiamata di frontiera ha categorizzato la serata segnata da lamentele sulla zona di sciopero. Secondo i dati e i rapporti di ESPN, Diaz ha concluso la serata con 23 chiamate perse di palla-strike, 12 da palle lanciate dai lanciatori dei Red Sox e 11 dagli Hurlers di Houston. La notte di Diaz dietro il piatto ha segnato le chiamate di sciopero della palla che qualsiasi arbitro ha perso in questa post stagione.

READ  Thursday Night Football: Teddy Bridgewater, Odel Beckham sono attivi

Con la velocità e la qualità dell’arsenale di Evalti, Castro ha detto che stava cercando un campo che non fosse in cima alla zona dello strike dove finivano 1-2 curve.

“Dove è iniziato quel lancio, non credo che avrei potuto innescarlo”, ha detto Castro. “Era una palla, e poi sono stato in grado di passare al campo successivo”.

Il manager dei Red Sox Alex Cora ha dichiarato di non aver visto il video della chiamata di Diaz prima di parlare con i media.

“È un lavoro duro”, ha detto Cora. “Conosco Los dai tempi in cui eravamo a Miami, sai? Ha chiuso i nostri giochi quando stavo giocando all’Università di Miami. Ogni venerdì, è un uomo a quei giochi, quindi è un duro lavoro. Lo capisco. Duro lavoro .”

Cora ha fatto una forte eccezione ai tre strike conosciuti come il battitore designato Jedi Martinez Il mitigatore di Houston ha lanciato a 94,6 mph nel terzo inning Christian Javier 3-2 con l’esterno dei Red Sox Alex Verdugo Sta per primo. Martinez – che litiga spesso con gli arbitri – è corso fuori dal bastone per evitare che Dias venisse espulso prima di affrontarlo e per essere controllato dall’allenatore di terza base Carlos Flepp.

“Non lascerò questa partita, ma pensavamo che il campo fosse uno sciopero. Non era d’accordo con noi, ma è stato un lavoro duro”, ha detto Cora. “Non credo – sì, sta cambiando – se è uno sciopero, cambierà tutto, ok, ma penso che all’inizio abbiamo avuto opportunità”.

Boston era in posizione di punteggio con 0 a 9 corridori, lasciando 11 nel seminterrato.

READ  L'accordo SPAC da 300 milioni di dollari di Trump potrebbe essere alla sprovvista

Antipasto Red Sox Nick Pivetta Le parole sono arrivate brevemente quando gli è stato chiesto della zona di sciopero di Diaz.

“Non dirò niente”, ha detto Pivetta.

Evalti ha detto che la zona dello strike ha avuto un impatto sulla fine della partita.

“Sento che i nostri pipistrelli sono i battitori più selezionati là fuori”, ha detto Evalti. “Erano battitori standard e il conteggio di 1-0 si sarebbe trasformato in un conteggio di 1-1 o 2-0, il che cambia molto il cappuccio”.