Maggio 27, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Notizie in diretta sulla guerra Ucraina-Russia: Putin minaccia gli ucraini di perdere lo stato

Notizie in diretta sulla guerra Ucraina-Russia: Putin minaccia gli ucraini di perdere lo stato
Patrick Kingsley

credito…Laetitia Fancon per il New York Times

Il capo dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha affermato sabato che la guerra russa in Ucraina ha causato il più rapido afflusso di rifugiati in Europa dalla fine della seconda guerra mondiale.

Nei 10 giorni successivi allo scoppio della guerra, almeno 1,2 milioni di persone in Ucraina sono fuggite nei paesi vicini. Il movimento di donne e bambini spesso sta avvenendo a un ritmo più rapido rispetto al reinsediamento delle persone al culmine delle guerre balcaniche negli anni ’90, e molto più veloce di quello durante la crisi dei rifugiati ungheresi del 1956, ha affermato Filippo Grandi delle Nazioni Unite, Commissario per i Rifugiati.

“Questa è la crisi dei rifugiati in più rapida crescita – chiamiamola crisi dei rifugiati, per favore, è una crisi dei rifugiati – dalla seconda guerra mondiale”, ha affermato Grandi in un’intervista.

“I Balcani hanno spostato milioni di persone, ma in un periodo di tempo molto lungo”, ha aggiunto Grandi. “E’ durato sei o sette anni.”

Il Sig. Grandi era appena tornato da una visita al confine tra Ucraina e Moldavia e ha detto di essere rimasto particolarmente sorpreso dalla sorpresa con cui i rifugiati che l’attraversavano erano fuori dalla loro vita normale e confortevole in quella che fino a poco tempo era stata tranquilla e pratica. città.

“È una valanga di persone con auto e animali domestici”, ha detto il signor Grande. Sono intere città che vengono svuotate, che attraversano i confini. È molto specifico e molto strano. Verrà con i suoi bisogni e le sue idiosincrasie”.

READ  Il rublo scende, le azioni crollano mentre la Russia riconosce le regioni separatiste dell'Ucraina

La Polonia ha accolto il maggior numero di ucraini, ma Grandi era particolarmente preoccupato per la Moldova, che ha accolto più rifugiati pro capite di qualsiasi altro vicino dell’Ucraina. Dal 24 febbraio più di 200.000 ucraini sono entrati in Moldova, che ha una popolazione ufficiale di 2,6 milioni ed è uno dei paesi più poveri d’Europa.

A differenza dei suoi vicini occidentali, la Moldova non è membro dell’Unione Europea e quindi manca di un sostegno istituzionale significativo da parte del blocco.

Il Sig. Grandi ha affermato che la Moldova ei suoi vicini avranno bisogno di un aiuto profondo per assorbire i nuovi arrivati ​​nei loro sistemi di istruzione, salute e servizi sociali, un processo che inevitabilmente metterà a dura prova il consenso sociale in quei paesi.

Ma ha detto di essere sollevato dalla velocità con cui i paesi europei hanno risposto alla crisi, che sperava avrebbe segnato un cambio di paradigma nel modo in cui i governi europei trattano i rifugiati.

Giovedì, i 27 membri dell’UE hanno concordato all’unanimità di concedere automaticamente ai rifugiati ucraini il diritto di vivere e lavorare all’interno del blocco per un massimo di tre anni.

È stato un atto di accoglienza collettiva senza precedenti durante la crisi dei rifugiati del 2015, quando più di un milione di rifugiati, per lo più provenienti da Siria e Afghanistan, hanno cercato sicurezza in Europa.

“Spero che sia una buona lezione che l’Europa accetterà poi la domanda di altre persone che vengono a chiedere asilo nel continente”, ha affermato Grandi.

Se c’è un lato positivo nella crisi dei rifugiati ucraini, Grandi ha affermato, “l’Europa ora ha riconosciuto che chiunque può diventare un rifugiato”. “Chiunque può diventare un Paese esposto a un’ondata di profughi”.

READ  La NATO afferma che la Russia sta pianificando un "attacco su larga scala" a Kiev, avverte del "vero pericolo" di una guerra totale in Europa