Maggio 28, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Rapporto sui lavori di febbraio 2022: Aggiornamenti in tempo reale

Rapporto sui lavori di febbraio 2022: Aggiornamenti in tempo reale
credito…TJ Kirkpatrick per il New York Times

È già chiaro che la Fed è pronta ad aumentare i tassi di interesse di un quarto di punto questo mese, poiché cerca di rendere più costosi i prestiti nel tentativo di raffreddare l’economia.

Lo ha detto questa settimana il presidente della Banca centrale Jerome Powell.

Ma i dati sull’occupazione di febbraio pubblicati venerdì potrebbero informare i responsabili politici mentre discutono dei piani per ridurre il bilancio della banca centrale (qualcosa che potrebbe prendere ulteriore forza dall’economia) e fare stime sulla rapidità con cui i tassi di interesse aumenteranno nei prossimi mesi.

Dato che è ampiamente previsto un aumento di marzo, le previsioni sono state inserite Riepilogo delle prospettive economiche È probabile che la Fed, insieme alla sua decisione sui tassi di interesse, sia al centro della scena.

L’invasione russa dell’Ucraina ha reso più incerto il percorso per la Fed, quindi le previsioni economiche saranno più un progetto approssimativo che un piano difficile.
Ma ciò che accadrà dopo dipende anche in parte da quanto la Fed pensa che il mercato del lavoro, la crescita salariale e l’economia in generale saranno attivi quest’anno, e quanto si aspetta che il mercato del lavoro in forte espansione aumenti i prezzi.

I tassi di disoccupazione sono fortemente diminuiti nell’ultimo anno. Quando i funzionari della Federal Reserve hanno pubblicato le loro ultime previsioni economiche a settembre, lo hanno fatto Pensa che il tasso di disoccupazione scenderà al 3,5 per cento – il livello pre-epidemia – entro la fine dell’anno. a febbraio, È sceso al 3,8 per cento.

Con posti di lavoro abbondanti e lavoratori difficili da trovare, i salari iniziarono a crescere rapidamente. Gli economisti intervistati da Bloomberg prevedono che la retribuzione oraria media aumenterà del 5,8% a febbraio. Questo è circa il doppio della velocità durante la lunga espansione economica prima della pandemia.

Sebbene i rapidi guadagni salariali non abbiano tenuto il passo con la rapida inflazione per molti gruppi di reddito, hanno aumentato la probabilità che il costo del lavoro iniziasse a salire dei prezzi, creando una spirale al rialzo. Questa prospettiva sta innervosendo i banchieri centrali.

“La cosa importante che non vogliamo è che l’inflazione diventi radicata e autosufficiente”, ha detto Powell durante la sua testimonianza al Congresso questa settimana. “Ecco perché stiamo andando avanti con il nostro programma per aumentare i tassi di interesse e controllare l’inflazione”.

Questo è il motivo per cui i funzionari probabilmente osserveranno da vicino i nuovi dati mentre cercano di farsi un’idea di come progredirà l’economia quest’anno.

Il governatore della Fed Chris Waller ha dichiarato alla fine del mese scorso che potrebbe sostenere un forte inizio dell’aumento dei tassi della Fed se i rapporti sull’inflazione e il rapporto sull’occupazione di febbraio “dimostrano che l’economia è ancora molto calda”.

Mentre il signor Powell sembra aver abbandonato l’idea di un massiccio aumento dei tassi a marzo, l’attenzione del signor Waller ha mostrato quanto da vicino la banca centrale stia osservando questo rapporto sull’occupazione in un momento critico. Il signor Powell ha già chiarito che i dati salariali in particolare hanno attirato la sua attenzione.

READ  La produzione petrolifera russa sta per diminuire del 30%. L'IEA avverte che lo shock dell'offerta sta arrivando

Ma i funzionari dovranno bilanciare il potere nel mercato del lavoro con ciò che sta accadendo in Ucraina. Non è chiaro, a questo punto, come ciò possa influenzare il futuro corso della politica, perché la guerra fa aumentare i prezzi del gas ma può incidere sulla spesa dei consumatori.

“Un ulteriore aumento dei prezzi dell’energia – che finora è stato il principale canale attraverso il quale l’attacco ha colpito l’economia statunitense – crea un dilemma per la politica monetaria: inflazione più alta e crescita più lenta”, Michael Feroli, capo economista statunitense di JP Morgan, ha scritto in una nota di ricerca giovedì. .