Maggio 28, 2022

Cuore Blucerchiato

Ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli del Vaticano.

Roman Abramovich, proprietario del Chelsea FC, ha beni congelati dalla Gran Bretagna

Roman Abramovich, proprietario del Chelsea FC, ha beni congelati dalla Gran Bretagna

LONDRA – Per i giocatori e gli allenatori del Chelsea, i primi frammenti di informazioni sono arrivati ​​​​in messaggi di testo e avvisi di notizie che hanno fatto squillare i loro telefoni cellulari mentre si dirigevano verso un terminal privato all’aeroporto di Gatwick di Londra giovedì mattina.

Il governo britannico ha congelato i beni del proprietario russo della sua squadra, Roman Abramovich, come parte di una più ampia serie di sanzioni annunciare Contro un gruppo di oligarchi russi. Questa misura, parte della risposta del governo all’invasione russa dell’Ucraina, è stata progettata per punire una manciata di individui le cui attività, fortune e relazioni sono strettamente legate al Cremlino. Il governo britannico ha affermato che Abramovich ha intrattenuto per decenni uno “stretto rapporto” con il presidente russo Vladimir Putin.

L’ordine è stato applicato a tutti gli affari, le proprietà e i possedimenti di Abramovich, ma il suo impatto più significativo – e più famoso – è stato sul Chelsea, il campione europeo di calcio, che proprio in quel momento stava iniziando il suo viaggio verso la partita della Premier League giovedì sera a Norwich City.

Le notizie e le dichiarazioni del governo hanno lentamente riempito alcune lacune: Abramovich Sto pianificando di vendere la squadra sono ora inammissibili e sospese; il club era Muharram dalla vendita di biglietti o merci, per timore che il denaro restituisca al suo proprietario; La squadra è bandita – al momento – da Acquisizione o vendita di giocatori Nel mercato del calcio multimiliardario.

E ora dopo ora, un’altra cosa è diventata chiara: il Chelsea, una delle squadre più importanti d’Europa e contendente al titolo di Champions League in questa stagione, si è trovata improvvisamente di fronte a un futuro preoccupante segnato da austerità, incertezza e decadenza.

Anche se ha annunciato le sue azioni contro Abramovich e altri sei oligarchi russi, il governo ha affermato di aver adottato misure per garantire che il Chelsea potesse continuare le sue operazioni e completare la sua stagione. Il governo ha affermato che per proteggere gli interessi del club, il Chelsea ha rilasciato una licenza che gli consente di continuare le sue attività legate al calcio.

READ  L'ucraina Elina Svitolina batte la russa Anastasia Potapova al Monterrey Open

La licenza, che secondo il governo sarà “in continua revisione”, garantirà che i giocatori e lo staff continuino a essere pagati; che i tifosi in possesso di abbonamenti possano continuare ad assistere alle partite; E che l’integrazione della Premier League, che è un’importante ricchezza culturale e una delle esportazioni più importanti della Gran Bretagna, non ne risentirà.

Ma i rigori rafforzeranno la sua presa sulla spesa del Chelsea e mineranno seriamente la sua capacità di operare ai livelli degli ultimi due decenni.

Entro giovedì, gli sforzi per garantire che i soldi non affluissero ad Abramovich stavano andando in grande e in piccolo. Le tre società di telecomunicazioni hanno sospeso la sponsorizzazione della maglia – un flusso di entrate redditizio – e ha chiesto che il suo logo fosse rimosso dalla divisa e dallo stadio del Chelsea.

In un hotel di proprietà del club vicino allo stadio Stamford Bridge della squadra, la reception aveva smesso di prenotare camere e il ristorante aveva chiuso il servizio di ristorazione. Dietro l’angolo, nel negozio ufficiale della squadra del Chelsea, gli affari sono continuati come al solito fino a quando i funzionari della sicurezza hanno chiuso bruscamente il negozio. Agli acquirenti, che stavano riempiendo i cestini con la merce del club, è stato chiesto di rimettere tutto a posto e andarsene.

Qualche istante dopo, gli striscioni sono stati incollati sugli ingressi chiusi. Leggono: “A causa dell’ultimo annuncio del governo, questo negozio sarà chiuso oggi fino a nuovo avviso”.

Ci aspetta un futuro incerto, poiché le sanzioni influiscono su tutto, dai soldi che il Chelsea spende per i viaggi a come spendono le decine di milioni di dollari che ricevono dalle emittenti televisive.

READ  Markev Morris è tornato agli Heat, 4 mesi dopo l'infortunio di Nikola Jokic

Chelsea Riconosci la sua nuova realtà in una dichiarazione, ma ha indicato che intendeva avviare immediatamente discussioni con il governo sulla portata della licenza concessa alla squadra. Ciò includerà, ha detto la squadra, chiedere il permesso di modificare la licenza per consentire al club di operare il più normalmente possibile.

Giovedì mattina al club, lo staff stava lottando per adattarsi a ciò che le misure del governo avrebbero significato per loro, per il loro lavoro e per la squadra. Diversi dirigenti del club, tra cui l’allenatore del Chelsea Thomas Tuchel, il tedesco, e il luogotenente capo di Abramovich, la direttrice del club Marina Granovskaya, stanno ancora cercando di capire cosa possono e cosa non possono fare.

Un grosso problema è fuori discussione: un congelamento dei beni di Abramovich gli rende impossibile, almeno a breve termine, andare avanti con i suoi affari. Annunciato l’intenzione di vendere il Chelsea. Secondo il nuovo accordo, il processo sarà supervisionato dal governo britannico. E mentre ha detto che non avrebbe necessariamente impedito la vendita, l’effetto sarebbe quello di ridurre drasticamente qualsiasi prezzo di vendita proposto, e il ricavato “non può andare all’individuo sanzionato mentre è sanzionato”, lasciando pochi incentivi ad Abramovich per andare avanti.

Qualunque cosa accada dopo, niente sarà più lo stesso al Chelsea. Dall’arrivo di Abramovich come uomo d’affari russo poco conosciuto nel 2003, ha speso più soldi per l’acquisto di talenti rispetto a quasi tutti gli altri proprietari di club nella storia del calcio, con il flusso costante di giocatori e allenatori dentro e fuori il club il suo segno distintivo. anni in carica. Nei minuti successivi all’annuncio delle sanzioni, è diventato presto evidente che il Chelsea avrebbe smesso di essere un giocatore nel mercato multimiliardario di scambio di giocatori, incapace di acquisire nuovi talenti, vendere nessuno dei suoi giocatori esistenti e senza il solito sistema Abramovich. Ha pompato la sua fortuna personale continuando a pagare gli enormi stipendi dei giocatori che attualmente impiega.

READ  40 La migliore casco modulare silenzioso del 2022 - Non acquistare una casco modulare silenzioso finché non leggi QUESTO!

Anche per i tifosi del Chelsea c’è stata confusione su come e quando possono assistere alle partite. Mentre gli abbonamenti rimangono validi, qualsiasi nuova vendita, comprese le partite in trasferta e, soprattutto, qualsiasi futura partita di Champions League è vietata se la squadra avanza ai turni successivi della competizione. La prossima partita del Chelsea in Champions League è in programma mercoledì contro il Lille, campione di Francia. In palio un posto ai quarti di finale.

Questo viaggio e qualsiasi viaggio futuro al di fuori di Londra saranno ora esaminati attentamente dopo che il governo ha annunciato un limite di £ 20.000 (circa $ 26.000) per partita in spese di viaggio. Queste sanzioni potrebbero essere tra i punti di discussione mentre i giocatori e lo staff del Chelsea si sono recati al terminal privato dell’aeroporto di Gatwick, a sud di Londra, su un aereo noleggiato per il breve viaggio a Norwich.

A quel punto, il telefono di Tuchel stava squillando. Tuchel, l’allenatore che la scorsa settimana Con rabbia ha risposto a una serie di domande A proposito di Abramovich e dell’Ucraina in una conferenza stampa, probabilmente non ne sapevano un po’ di più di coloro che gli facevano domande.

Giovedì avrebbe cercato di concentrarsi sulla trasferta a Norwich City, dove la sua squadra ha vinto 3-1, e sulla trasferta che sarebbe seguita domenica, la prima partita casalinga del Chelsea da quando il loro mondo è stato sconvolto.

In quella partita, forse per l’ultima volta da mesi, il Chelsea giocherà un full house. Giovedì un cartello installato all’ingresso dello Stamford Bridge diceva: “Partita fuori casa contro il Newcastle United”.